Il packaging è una delle attività del marketing più sottovalutata al mondo, nonostante sia il primo contatto che abbiamo con un prodotto che fino a quel momento abbiamo visto solo in pubblicità, in bacheca, sul desk di un’azienda. Acquistarlo o non acquistarlo dipende – molto spesso e anche se non ne siamo pienamente consapevoli – anche dalla sua confezione. Quando si parla di packaging non si sta facendo riferimento solo alla scatola del nuovo iPhone o alla busta dei Nutella biscuits, ad esempio, ci si sta riferendo anche alla confezione delle uova al supermercato o al flacone del detersivo per la casa.

Scegliere un buon package

Le scelte relative al package di un prodotto possono dipendere da infinite variabili. Il materiale, ad esempio, ha lo scopo di proteggere – oltre che di coprire – il prodotto e di mantenerne intatte le caratteristiche o le funzionalità. Allo stesso tempo deve essere pratico e già dal primo sguardo deve saper comunicare un messaggio. I package più particolari sono maggiormente riconoscibili e accentuano quella che chiamiamo brand awareness, prima ancora di arrivare in contatto col prodotto in sé. Il colore è un’altra scelta importante: ogni tonalità esprime un’emozione. E ogni evento prevede l’utilizzo dei colori classici. Se dovessimo lanciare un prodotto dolciario per Natale, difficilmente faremmo la confezione viola o gialla, ma più probabilmente rossa, argento, oro o bianca.

Se stai pensando di lanciare un nuovo prodotto e non sai quale package elaborare, affidati ad una aagenzia che sappia consigliarti. Noi elaboriamo quello che può fare al caso tuo dopo una attenta  valutazione. Ricorda: il prodotto influenza le nostre scelte di acquisto molto più di quanto si pensi. In questo caso, insomma, il detto popolare “l’abito non fa il monaco” proprio non vale!